ESPERIENZA A SAN MARTINO DI CASTROZZA

Pubblicato il Pubblicato in Secondaria II

Ciao a tutti, questo è il blog studentesco per parlare dell’esperienza formativa a San Martino di Castrozza che si tiene dal 18 al 21 di Marzo. Ci dispiace per il ritardo, ma siamo impegnati a divertirci dalla mattina alla sera. Dopo l’arrivo, ci siamo sistemati nell’albergo, abbiamo pranzato e abbiamo fatto una caccia al tesoro divisi in tre gruppi; tale gioco ci ha coinvolto nella ricerca di parole che dovevamo trovare da stralci di immagini che ci ha consegnato Don Valerio. A ogni professore è stato assegnato un gruppo, il primo gruppo è stato assegnato al professor Tonini, il secondo gruppo alla professoressa Mazzitelli, il terzo gruppo invece è stato assegnato alla dirigente scolastica Chiara Aldrigo.

Ha vinto il secondo gruppo, che dopo aver completato tutte le parole, risolto enigmi e camminato per kilometri ha individuato l’antica frase scritta da Cicerone (avvocato, politico e oratore romano che passò dal luogo), metafora di PIU’ SU (slogan su cui è improntata l’esperienza formativa).

Dopo una breve sosta in camera, siamo andati nella sala grande dell’albergo per esporre le nostre riflessioni sugli argomenti affrontati a scuola prima della partenza. Alle 20:30 ci siamo riuniti per la cena, dove è stato spiegato il regolamento del gioco che si sarebbe svolto successivamente. i vincitori della caccia al tesoro(secondo gruppo) si sono riuniti per scegliere i ragazzi che sarebbero andati SULL’ “ISOLA DEI CRETINI”. la prima coppia era formata da: 1)Maxim Klimashin – Alessandro Bussè 2)Giulia Stancari – Vittoria Rossi 3)Gaia Mazzoni – Giulia Carolina Giusti 4)Pietro Bettinazzi – Andrea Carillo -La prima prova consisteva nel ballare, il ballerino migliore tra i due della prima coppia vinceva e pasava il turno successivo. Alessandro Bussè è riuscito a passare e ha strabiliato tutti con la sua danza del ventre.  

La seconda prova prevedeva di trovare in mezzo a un budino della pasta cruda, prenderla con la bocca e di inserirla n uno stecchino. La vincitrice, Giulia Stancari, ha commentato in seguito dicendo di avere ancora del budino nel naso…

La terza prova è stata disputata da Pietro Bettinazzi – Andrea Carillo in cui i ragazzi si mettevano dei pantaloni da clown in cui infilavano 5 palloncini gonfi, la sfida era di far scoppiare tutti e 5 i palloncini rotolandoci sopra… alla fina naturalmente ha vinto il più magro, Bettinazzi Pietro che in pochi secondi ha fatto fuori tutti i palloncini

La quarta prova era una spece di sfida artistica a scopo di sfogo, le sfidanti(Gaia Mazzoni – Giulia Carolina Giusti) dovevano praticamente dipingere un panorama sulla faccia dei professori(Tiziana Mazzitelli-Marco Tonini) beh, ha vinto la signorina gaia ma direi che,grazie alla signorina giusti, il professor tonini non è venuto niente male… nell’intramezzo tra sfida e sfida ci divertivamo con balli di gruppo un po’ infantili ma divertenti, abbastanza da stimolare tutti quanti… ovviamente finite le sfide siamo andati tutti al letto nelle proprie stanze, o quasi tutti… 😛   Ciao a tutti, oggi dopo la colazione, le tre classi si sono divise e ognuna di essa è stata incaricata di analizzare i vari testi e fare riflessioni aiutati dai rispettivi professori, preside con la terza media, professor Tonini con le prime superiori e la professoressa Mazzitelli con le seconde superiori.

Alle 11.00 le tre classi si sono riunite e hanno esposto le riflessioni fatte. Al pomeriggio alle 15.00 siamo andati in paese a San Martino di Castrozza e come da programma ci siamo suddivisi i compiti per raccogliere fondi. C’era chi ballava, cantava, suonava, chi si dilettava nei tipici artisti di strada. Alla fine della giornata i fondi raccolti sono stati lasciati in beneficenza a Don Valerio. Alla sera come in mattinata le tre classi si sono divise e si sono sfidate in varie prove e giochi di gruppo insieme a professori e animatori. La serata si è conclusa con la vittoria  della terza media nell’ultima sfida di fortuna grazie alla Vittoria Rossi. La giornata di oggi é stata davvero impegnativa. inizialmente ci hanno lasciato a una fermata dell’autobus, poi, divisi in te squadre, abbiamo ricevuto delle buste con delle indicazioni…  La 1 squadra era diretta verso Siror, la seconda verso transacqua e il terzo a tonadico, con delle direttive ci hanno mandati a cercare delle persone, che ci hanno aiutato a completare le sfide successive, abbiamo dovuto cucinare cercare oggetti e mettere in scena la recita di cappuccetto rosso… alla fine della giornata la terza squadra aveva vinto e alle altre due mancava l’obbiettivo finale, trovare una persona morsa da un san bernardo, la cui moglie si chiamava Rita, che tifa per la “SPAL” e che sapeva a memoria il diciassettesimo canto della divina commedia tranne le ultime due righe…(ma perché???) Tra calli, camminate, e giri inutili siamo arrivati a fine della giornata distrutti, ma divertiti. la sera abbiamo analizzato tutte le foto che testimoniavano ciò che avevamo fatto e di conseguenza venivano assegnati dei punti per decretare il vincitore della sfida di oggi. i professori a fine serata hanno raccomandato a tutti di dormire e di non girare nelle stanze altrui e delle femmine, beh, il seguito chiedetelo ai ragazzi… UN RITORNO DIFFICILE il ritorno da san martino è stato difficile, tante emozioni, divertimento a gogo(volgarmente) un gita fantastica insomma, non dimenticheremmo facilmente tutto questo, le figuracce e i prof che diventarono tela per gli inesperti pittori della scuola, una gita (scusa scusa don!) un’asperienza formativa che rimarrà per sempre nelle nostre menti, grazie Don Valerio, grazie Marco Tonini, grazie Tiziana Mazzitelli, grazie Chiara Aldrigo, e ringraziamo anche la Curia per l’ospitalità e per il personale! Buon Proseguimento ai ragazzi e ai professori, ah e grazie per aver portato pazienza! non sarà stato facile! By Signo & Manzo